Agesci nazionale Agesci Sicilia Zona dello Stretto
Branca L/C
Branca E/G
Branche R/S
Capi
Protezione Civile
 
ZONA DELLO STRETTO
Home
Comitato ed Incarichi
Gruppi
Eventi
Documenti
Rassegna Stampa
Villetta B.P. 
News in Pdf 
 
BRANCHE
Branca L/C
Branca E/G
Branca R/S
 
ALTRO
Campi formazione
Protezione Civile
Pace
Non violenza
Solidarietà
Arcidiocesi
 
MASCI
Comunità
 
CALENDARIO EVENTI
 
LINK
AGESCI.org - Sito nazionale
Campo Regionale 2012
Rivendita scout Cooperativa La Nuova Zagara
MASCI Sicilia
Libera, Associazioni, nomi e numeri contro le mafie
Dipartimento della Protezione Civile
Progetto Baobab
Forum del Terzo Settore
Siti Cattolici Italiani
Centro Servizi per il Volontariato
Rete Lilliput - Per un'economia di giustizia
TuttoScout - Gli Scout in Italia
Portale del Progetto OpenScout
 
CONTATORE ACCESSI
738243
 
23 Gennaio 2007

L'A.G.E.S.C.I. di Messina per Graziella Campagna

Conversione di San Paolo in ricordo di una giovane vittima di Mafia

 L

Sabato 27 Gennaio alle ore 17 a Saponara, centro collinare della Provincia Tirrenica di Messina, presso la Palestra Comunale "Graziella Campagna" i Capi della Branca RYS della Zona dello Stretto organizzano, in occasione dell'annuale incontro dedicato alla Conversione di San Paolo, una manifestazione pubblica in ricordo della sfortunata ragazza di Saponara uccisa dalla Mafia.
L'iniziativa è stata voluta fortemente dai Capi Scout messinesi ed organizzata in collaborazione con la famiglia Campagna e con il Comune di Saponara per sensibilizzare i Rover e le Scolte ma anche gli altri giovani e tutta la comunità messinese sulla vicenda umana e giudiziaria di una giovanissima vittima della Mafia ancora senza giustizia, ed in modo particolare in riferimento alla relazione degli Ispettori del Ministero di Grazia e Giustizia che tarda ad arrivare.
Alle ore 17 presso la palestra di Saponara alla presenza di circa trecento scout verrà proiettato un documentario dedicato alla terribile vicenda di Graziella Campagna cui seguirà un dibattito con varie testimonianze. Alla fine la manifestazione si concluderà con una fiaccolata che raggiungerà la tomba di Graziella Campagna presso il cimitero di Saponara. Finito questo significativo momento gli Scout raggiungeranno a piedi Forte Campone, luogo simbolo del fatto di sangue perché fu proprio lì nel cuore dei Peloritani che venne barbaramente uccisa, dove concluderanno le proprie attività.

Diciassette anni fa un barbaro omicidio di mafia sconvolgeva la vita di un piccolo paese della Provincia di Messina. Graziella Campagna, giovane diciassettenne, veniva sequestrata e poi assassinata a colpi di lupara. Per diversi anni il movente, gli autori e i mandanti di questo delitto sono rimasti nell'ombra. La tenacia dei familiari, il coraggio dell'avvocato di parte civile, il desiderio di giustizia di due associazioni antimafia, hanno fatto sì che la Procura riaprisse le indagini e inchiodasse alle proprie responsabilità una potente organizzazione criminale che ha operato sino ai giorni nostri tra Messina, Villafranca Tirrena, Barcellona P. G. e Portorosa. Nel 1998 si apriva il processo contro i presunti responsabili della morte di Graziella Campagna: un omicidio "preventivo", per impedire che la giovane si rendesse conto della reale identità di uno dei maggiori narcotrafficanti di Cosa Nostra e della rete di complicità e protezioni che Istituzioni dello Stato, imprenditori e politici avevano tessuto. Quattro anni di udienze non sono state sufficienti a rendere giustizia a Graziella e ai suoi familiari. Oggi, per la seconda volta, il processo è sospeso in attesa di una pronuncia della Corte Costituzionale. C'è il forte rischio che si perda altro tempo prezioso, che la nebbia offuschi il contesto in cui è maturato l'assassinio, che nuovi inquinamenti e depistaggi rendano più difficoltoso l'accertamento della verità. Graziella Campagna, una ragazza semplice di Saponara, una famiglia numerosa la sua, dove i genitori insegnano ai figli i principi della vita civile, i valori dell'onestà. "Era una ragazza buona" dicono i familiari e tutti coloro che l'hanno conosciuta. "Una ragazza posata, riservata in società, una ragazza sincera, che parlava di tutto con la sua famiglia". Il 12 dicembre 1985 è stata rapita e uccisa. Undici anni trascorsi senza che lo Stato le abbia riconosciuto il diritto alla verità e alla giustizia. Undici anni in cui le è stato negato il diritto alla memoria, ad essere riconosciuta vittima di un potere criminale troppo spesso sottovalutato nel messinese. Il 7 dicembre '96, il Tribunale di Messina ha deciso di riaprire il caso Graziella Campagna. Un riconoscimento dell'impegno di coloro che non hanno voluto e non vogliono dimenticare.

Luglio 1985. Graziella, passando davanti alla lavanderia "La Regina" di Villafranca Tirrena (ME), vede un'offerta di lavoro come aiutante. Per Graziella, che aveva deciso di non continuare gli studi dopo la licenza di scuola media inferiore, è un'ottima occasione per iniziare a guadagnare qualche soldo e contribuire così al sostentamento della famiglia. Per raggiungere Villafranca, Graziella prende l'autobus al mattino e ritorna la sera. In famiglia vivono questa sua prima esperienza fuori casa con un po' di apprensione, ma convinti della serietà e della serenità con cui Graziella affronta questa opportunità di lavoro. La lavanderia è frequentata abitualmente dall'ingegnere Eugenio Cannata e dal suo amico Giovanni Lombardo, due persone in apparenza cordiali e dai modi amichevoli e confidenziali. Un giorno, fine Novembre - primi di Dicembre 1985 (la data non è mai stata stabilita perchè nessuno ha mai pensato di sequestrare i registri della lavanderia), l'Ingegnere Cannata porta in lavanderia degli indumenti sporchi tra i quali una camicia. Graziella, mentre espleta le normali procedure di controllo della biancheria, trova nel taschino della camicia un portadocumenti di plastica con dentro la foto del Papa e un'agendina contenente dati personali dell'Ingegnere. Così, chiama la collega Agata Cannistrà (cognata della titolare), la quale le strappa dalle mani il portadocumenti.

L'8 dicembre 1985 il Cannata e il Lombardo, a bordo di una Fiat Ritmo rubata a Milano, vengono fermati da una pattuglia dei Carabinieri, in località Orto Liuzzo. Il Cannata consegna i documenti (falsi) mentre il Lombardo dice di non aver documenti e consegna ai carabinieri il libretto di circolazione intestato ad un certo Fricano Rosario, dichiarando: "Non si preoccupi sulla nostra identità può rassicurarla anche il Maresciallo dei Carabinieri di Villafranca, Giardina, con cui siamo amici". Mentre i carabinieri fanno il controllo di routine sull'identità dei fermati, vengono distratti dal sopraggiungere ad alta velocità di un'automobile; il Lombardo e il Cannata approfittano dell'evento e riescono a dileguarsi. I Carabinieri successivamente scopriranno che l'Ingegnere Cannata, in realtà, è il pericoloso latitante della mafia palermitana Gerlando Alberti Junior, mentre il Lombardo è in realtà il latitante Giovanni Sutera. A Villafranca molte persone conoscono l'ingegnere Cannata (Alberti) e il Lombardo (Sutera); infatti, è loro abitudine intrattenere rapporti cordiali con professionisti, uomini delle istituzioni, imprenditori, ....un'integrazione a tutti gli effetti nel tessuto sociale di Villafranca. Il 9 dicembre 1985, Graziella torna a casa e racconta alla madre che Agata Cannistrà, qualche giorno prima, le aveva strappato dalle mani l'agendina trovata nel taschino della camicia dell'ingegnere Cannata. Graziella lo racconta come un fatto strano: evidentemente quel pomeriggio è successo "qualcosa".... Graziella sicuramente ignora la gravità del suo ritrovamento. La madre lascia scivolare la notizia considerando il fatto come uno dei tanti episodi, assolutamente normali, che possono accadere lavorando in una lavanderia. In un giorno non ancora precisato Gerlando Alberti si accorge, mentre si trova dal barbiere Giuseppe Federico (fratello della titolare della lavanderia), di non avere più il porta documenti con sè, così realizza con immediatezza che può averlo dimenticato nella camicia portata a lavare. Manda Giovanni Sutera in lavanderia. Questi torna dopo pochi minuti dicendo di non aver trovato nulla. Gerlando Alberti si precipita in lavanderia per chiedere conto della presunta scomparsa del porta documenti. La proprietaria gli fa notare che è stato rinvenuto solo un porta documenti con dentro l'immagine del Papa. L'Alberti, a questa notizia, palesa molto nervosismo e getta con rabbia il portadocumenti sul bancone della lavanderia. Il 12 dicembre 1985, Graziella, come al solito, esce dalla lavanderia alle ore 19.45 per andare a prendere l'autobus. Mentre attende alla fermata passa un conoscente, Francesco Giacobbe, che le offre un passaggio. Graziella, persona estremamente riservata e schiva, non lo accetta. Il giovane percorre pochi metri con la macchina, poi si ferma al distributore che dista pochi metri dalla fermata dell'autobus. Pochi istanti dopo passa l'autobus e il giovane Giacobbe non vedendo più Graziella pensa che sia salita sulla corriera. Graziella non farà più ritorno a casa. Il corpo di Graziella verrà trovato presso Forte Campone barbaramente sfigurato da 5 colpi di fucile a canna mozza.

Il 1 Ottobre 2006 il Ministro della Giustizia Clemente Mastella ha dato incarico agli ispettori del suo Dicastero, guidati da Arcibaldo Miller, di procedere ad un'ispezione al Tribunale di Messina per verificare eventuali ritardi o inadempienze nel procedimento a carico di Gerlando Alberti junior, nipote dell'omonimo boss palermitano "U paccaré", scarcerato due giorni prima in relazione alla condanna all'ergastolo per l'omicidio Campagna, questo per decorrenza dei termini di custodia cautelare. E' quanto si apprende da una nota dell'ufficio stampa di via Arenula. Alberti era stato condannato in primo grado all'ergastolo per l'omicidio della diciassettenne stiratrice di Saponara Graziella Campagna. Un anno e nove mesi, ovvero un anno e mezzo più tre mesi di eventuale proroga: è questo il tempo massimo che il codice di procedura penale fissa come limite invalicabile tra la fine del processo di primo grado e la fissazione del secondo grado di giudizio, trascorso il quale l'imputato torna in libertà per decorrenza dei termini di carcerazione preventiva. E' in base a questo principio che lo scorso 10 settembre la corte d'assise di Messina ha "scarcerato" il boss palermitano Gerlando Alberti junior, condannato l'11 dicembre 2004 all'ergastolo per aver ucciso quasi 21 anni fa la 17enne stiratrice di Saponara, Graziella Campagna. L'estensore della sentenza designato è il giudice a latere della Corte d'Assise peloritana, il Magistrato Giuseppe Lombardo, il quale, applicato giornalmente anche al settore civile per un'atavica carenza di organico del Tribunale messinese, non è riuscito, con un carico di lavoro giornaliero di centinaia di cause, dopo un anno e nove mesi, a depositare le motivazione di quella condanna al carcere a vita. Il processo d'appello quindi non può essere fissato perchè i difensori sono impediti dal proporre i motivi d'appello. Alberti resta per ora detenuto a Parma, dove sta scontando una condanna per "cumulo pene" a 30 anni di reclusione (un residuo del primo maxiprocesso di Palermo per traffico di droga) ma, grazie all'indulto che gli abbuona altri tre anni, è tornato libero il 4 Novembre. Erano stati gli stessi giudici dell'Assise, su richiesta del Sostituto della Distrettuale Antimafia Rosa Raffa, contestualmente alla sentenza di primo grado, a firmare un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per lui e per il coimputato palermitano Giovanni Sutera, anch'egli condannato al carcere a vita; questo per «evitare il pericolo di fuga». Sutera era tornato già in libertà il 18 gennaio 2005 su decisione del Tribunale del riesame che invece aveva rigettato la richiesta per Gerlando Alberti junior.

  Marco Grassi


Torna alla pagina principale