Agesci nazionale Agesci Sicilia Zona dello Stretto
Branca L/C
Branca E/G
Branche R/S
Capi
Protezione Civile
 
ZONA DELLO STRETTO
Home
Comitato ed Incarichi
Gruppi
Eventi
Documenti
Rassegna Stampa
Villetta B.P. 
News in Pdf 
 
BRANCHE
Branca L/C
Branca E/G
Branca R/S
 
ALTRO
Campi formazione
Protezione Civile
Pace
Non violenza
Solidarietà
Arcidiocesi
 
MASCI
Comunità
 
CALENDARIO EVENTI
 
LINK
AGESCI.org - Sito nazionale
Campo Regionale 2012
Rivendita scout Cooperativa La Nuova Zagara
MASCI Sicilia
Libera, Associazioni, nomi e numeri contro le mafie
Dipartimento della Protezione Civile
Progetto Baobab
Forum del Terzo Settore
Siti Cattolici Italiani
Centro Servizi per il Volontariato
Rete Lilliput - Per un'economia di giustizia
TuttoScout - Gli Scout in Italia
Portale del Progetto OpenScout
 
CONTATORE ACCESSI
740131
 
23 Ottobre 2006

Conclusa la I Festa del Volontariato

 Conclusa la I Festa del Volontariato

Con una notevole risposta di pubblico, dopo tre giorni intensi, si è conclusa domenica 22 ottobre, alla Fiera di Messina, la Festa del Volontariato, la prima edizione di una rassegna promossa dal Cesv, Centro Servizi per il Volontariato, con il Comune di Messina. Un momento di festa e di incontro, organizzato in collaborazione con la Provincia Regionale di Messina e il Comitato di Gestione del Fondo per il Volontariato della Regione Siciliana.

Presente alla manifestazione anche uno Stand dell'AGESCI - Zona dello Stretto che ha cercato di far conosce alla cittadinanza ed alle altre Associazioni di Volontariato le nostre attività ed iniziative grazie soprattutto ai ragazzi del Progetto Baobab, alla Pattuglia di E.P.C. ed al referente di AGESCI in Rete.

"In questi tre giorni, abbiamo dato vita a una città aperta e solidale, la città del volontariato. Una città, quella della Festa realizzata dal Cesv di Messina, che bandisce ogni tipo di discriminazione e di ingiustizia. Negli affollati incontri di lavoro - su temi come la pace, il diritto allo studio dei migranti, l'ambiente e la tutela dei territori - e negli stand di quasi sessanta associazioni, come nelle feste musicali con i giovani e nei video dal forte impatto sociale, in tutto questo si è respirato un clima di scambio e di confronto", sottolinea Antonino Mantineo, presidente del Cesv e docente universitario.

In particolare, nella mattinata di domenica, ci si è soffermati sul tema "Verso la costituzione della Consulta del Terzo Settore del Comune di Messina", con un'assemblea cittadina promossa dal Cesv e dall?amministrazione comunale. Sono intervenuti il sindaco di Messina Francantonio Genovese, l'assessore comunale alle Politiche sociali Pippo Rao, il presidente del Centro Servizi per il Volontariato Antonino Mantineo, Irene Visigoti, vicepresidente del Coordinamento delle associazioni di volontariato, e Giuseppe Trovatello, vicepresidente del Forum delle associazioni familiari di Messina. Se il sindaco Genovese ha evidenziato "l'importanza di un coinvolgimento sinergico tra istituzioni e volontariato su questioni sociali decisive per il futuro della città", l'assessore Rao ha ricordato che "ormai siamo in dirittura d'arrivo per la costituzione della Consulta del Terzo Settore, un organismo fortemente voluto da questa amministrazione comunale. L'obiettivo, in cinque anni di governo, è passare a Messina da un sistema di protezione sociale clientelare a uno di tipo comunitario, affidando al volontariato il compito di ideare e progettare le politiche sociali assieme a chi governa la città, in piena trasparenza". Subito dopo, nel corso del dibattito, il presidente Mantineo, la vicepresidente del Cesv e presidente del Circolo Arci "Thomas Sankara" di Messina, Carmen Cordaro, il direttore del Centro Servizi Rosario Ceraolo e Salvatore Rizzo, referente giovani del Cesv, hanno insistito sulla necessità che "la Consulta costituisca uno strumento di effettiva partecipazione democratica della cittadinanza alle scelte da compiere nel campo delle politiche sociali". Un altro elemento fondamentale, sottolineato da numerosi esponenti di associazioni e realtà del territorio, è quello di distinguere tra volontari e rappresentanti della cooperazione e del Terzo Settore. Tutti insieme, con funzioni differenti, impegnati a rendere efficace la nuova Consulta, che sarà istituita nelle prossime settimane.


Torna alla pagina principale