Agesci nazionale Agesci Sicilia Zona dello Stretto
Branca L/C
Branca E/G
Branche R/S
Capi
Protezione Civile
 
ZONA DELLO STRETTO
Home
Comitato ed Incarichi
Gruppi
Eventi
Documenti
Rassegna Stampa
Villetta B.P. 
News in Pdf 
 
BRANCHE
Branca L/C
Branca E/G
Branca R/S
 
ALTRO
Campi formazione
Protezione Civile
Pace
Non violenza
Solidarietà
Arcidiocesi
 
MASCI
Comunità
 
CALENDARIO EVENTI
 
LINK
AGESCI.org - Sito nazionale
Campo Regionale 2012
Rivendita scout Cooperativa La Nuova Zagara
MASCI Sicilia
Libera, Associazioni, nomi e numeri contro le mafie
Dipartimento della Protezione Civile
Progetto Baobab
Forum del Terzo Settore
Siti Cattolici Italiani
Centro Servizi per il Volontariato
Rete Lilliput - Per un'economia di giustizia
TuttoScout - Gli Scout in Italia
Portale del Progetto OpenScout
 
CONTATORE ACCESSI
754184
 
19 agosto 2008

Ci sono storie che non cambiano mai

Nuovi atti vandalici alla base-scout "Volpe Astuta"

Sono le storie che hanno l'eterna lotta tra bene e male come fulcro.
C'è sempre una continua battaglia, tra le due entità che difficilmente riescono a vivere in pace.
Il bene, perché "forse", è troppo "buono".
Il male... perché beh, è la sua natura non scendere a compromessi.
Questa volta, questa storia, non tratta l'ultima avventura di Batman o del nostro supereroe preferito, parla però di alcune persone che io non so definire altro che eroi, anche se non camminano con un mantello sulle spalle e non hanno pistole speciali nel taschino.
Alcuni giorni fa, il male, che d'ora in poi possiamo chiamare anche mafia, giusto per non nascondere nulla a nessuno e non far crescere i più piccoli pensando che certe brutture della società non esistano concretamente, ha rotto quell'equilibrio di "pace" che si sta tentando di costruire, da anni, in contrada Micciulla.
Fondo Micciulla, per gli amici "Base Scout Volpe Astuta", è un terreno confiscato alla mafia nel 1981 grazie anche a Giovanni Falcone.
Nel 1997 fu affidato all'Agesci per realizzare una base scout internazionale.
Negli anni, migliaia di scout provenienti da svariate parti d'Italia e d'Europa hanno dato il loro contributo per la realizzazione di questo grande sogno.
Sono loro gli eroi di cui parlavo prima.
Sono loro che, silenziosamente, spendono le loro giornate sia d'estate che d'inverno, sia col caldo che col freddo, per mettere una pietra, sistemare un mattone, rialzare un muro, pulire il terreno e... tappare i buchi.
Sì, i buchi. Non quelli di simpatici animaletti che vivono sottoterra però. Buchi fatti da persone prepotenti. Da persone che, sebbene siano passati oltre 25 anni dalla confisca, non hanno ancora accettato l'idea di far sorgere qualcosa di bello e di importante in un quartiere disagiato come quello di Altarello.
L'ennesimo buco è arrivato in una parete della casa. Dove le porte blindate non bastano, dove le grate alle finestre non servono, ecco che per entrare, per disturbare, si creano buchi alle pareti.
In questi anni sono stati compiuti parecchi furti e vandalismi in questo modo.
Il 14 agosto, mentre tutti ci preparavamo per il falò di Ferragosto, per la pasta al forno e per la tendina da portare in spiaggia, si è compiuto l'ennesimo atto di prepotenza. L'ennesimo atto intimidatorio.
In queste settimane infatti, erano venuti parecchi gruppi scout da varie parti d'Italia per dare una mano. Erano state costruite alcune pareti interne, erano state imbiancate, finalmente dopo vari anni, alcune stanze che erano nere per gli incendi che, più volte, furono appiccati all'interno.
Non è stato rubato nulla. Sia perché c'è ben poco da rubare (ma in passato, per dar fastidio è stato fatto anche quello), sia perché, quello che questi prepotenti volevano mandare, era solo un segnale.
Lo stesso segnale che fu mandato per Pasquetta, quando entrarono nella casa per gettare le immondizie del loro pranzo.
Loro - secondo le loro menti contorte - sono ancora li dentro a comandare ed è questo che vogliono farci credere.
Hanno imbrattato le pareti imbiancate, riempiendole di scritte. Hanno distrutto alcune opere in costruzione.
Hanno vanificato il sudore di settimane di lavoro degli eroi descritti sopra.
Contrada Micciulla è a 5 minuti di bicicletta da casa mia. Io la sento come una stanza di casa mia.
Forse perché lì ci son cresciuto, quando già a 14-15 anni andavo a scavare per liberare dai detriti e dalle macerie quella stupenda opera architettonica del XVI secolo sotto il livello del suolo che è la Camera dello Scirocco.
Struttura che i mafiosi non riconobbero e che usarono come grande cestino per i loro rifiuti.
Quel buco verrà tappato nuovamente e silenziosamente si riprenderà a lavorare.
Sarebbe bello vedere però, una maggiore solidarietà da parte dei cittadini che spesso leggono certe notizie e passano avanti, come si trattasse di qualcosa di distante.
La mafia, oltre a distruggere ciò che viene costruito gratuitamente, impoverisce anche la nostra città.
La Base Scout Volpe Astuta è un progetto che negli anni vorrebbe diventare luogo d'incontro privilegiato per attività educative e di crescita dei giovani della nostra città, non sottovalutiamolo.
Siamo noi ad essere lì dentro, non loro. Ditelo in giro, fateglielo sapere.


  Emanuele Di Vita
Tratto da
http://www.rosalio.it/2008/08/18/ci-sono-storie-che-non-cambiano-mai/


Torna alla pagina principale