Agesci nazionale Agesci Sicilia Zona dello Stretto
Branca L/C
Branca E/G
Branche R/S
Capi
Protezione Civile
 
ZONA DELLO STRETTO
Home
Comitato ed Incarichi
Gruppi
Eventi
Documenti
Rassegna Stampa
Villetta B.P. 
News in Pdf 
 
BRANCHE
Branca L/C
Branca E/G
Branca R/S
 
ALTRO
Campi formazione
Protezione Civile
Pace
Non violenza
Solidarietà
Arcidiocesi
 
MASCI
Comunità
 
CALENDARIO EVENTI
 
LINK
AGESCI.org - Sito nazionale
Campo Regionale 2012
Rivendita scout Cooperativa La Nuova Zagara
MASCI Sicilia
Libera, Associazioni, nomi e numeri contro le mafie
Dipartimento della Protezione Civile
Progetto Baobab
Forum del Terzo Settore
Siti Cattolici Italiani
Centro Servizi per il Volontariato
Rete Lilliput - Per un'economia di giustizia
TuttoScout - Gli Scout in Italia
Portale del Progetto OpenScout
 
CONTATORE ACCESSI
838223
 
23 luglio 2008

Vogliamo svegliare l'Aurora: una notte da... non dimenticare!!!

La notte tra il 19 e il 20 Luglio 2008 sarà una notte che molti dei giovani non dimenticheranno per molto tempo. Infatti in concomitanza della GMG di Sydney quasi 5000 giovani di tutta la nostra Arcidiocesi, ma anche provenienti dalla vicina Calabria e anche da Catania, dopo essersi incontrati in sei luoghi simbolo della Città di Messina hanno invaso il centro cittadino e si sono diretti in pellegrinaggio verso la base della Marina Militare della Zona Falcata divenuta per tutta una notte, dalle prime luci del tramonto alle prime luci dell'alba, la sede ideale dell'incontro avente come titolo proprio: "Vogliamo vivere l'aurora".
Un vasto spazio, quello offerto dalla Marina Militare, molto bello per l'incomparabile scenario dello Stretto e che per la prima volta aperto alla città per una iniziativa non militare.
Quindi i giovani, dopo aver attraversato l'intera città, sono stati concentrati presso il campo sportivo della base militare e hanno vissuto intorno alle 21.30 l'apertura della lunga maratona di musica, canti, ma soprattutto di riflessione e di preghiera con l'accoglienza della croce e dell'Arcivescovo Mons. Calogero La Piana, accompagnato da Padre Dario Mostaccio, Direttore del Centro Diocesano per la Pastorale Giovanile, da Padre Carmelo Lupò, novello Vicario Generale, e dal "padrone di casa" il Comandante Francesco Potenza responsabile del Distaccamento della Marina Militare.
Dopo i saluti iniziali ha preso così il via la grande festa, presentata da Matilde Siracusano e Maurizio Caruso, con un video sulla storia delle GMG e poi a seguire si sono alternate sul palco band e solisti che hanno trascinato i giovani al ritmo di canti e balli. In contemporanea, poco lontano, tra l'elipista e la cappella di Santa Barbara hanno aperto i battenti vari stand dei movimenti e gruppi giovanili della diocesi (tra cui il Progetto Baobab della Caritas Diocesana) ed in modo particolare le fontane: dell'Eucaristica organizzata dalle Suore Cappuccine del Sacro Cuore, della Riconciliazione curata dal movimento "Giovani e Riconciliazione" di Reggio Emilia, dell'Ascolto promossa dalla Caritas Diocesana, dell'Amore Vero animata dalla Pastorale Familiare, della Vocazione curata dal Seminario Arcivescovile. Luoghi dove i tanti giovani hanno potuto fare esperienze importanti per cercare le risposta a tanti dubbi. L'inizio della fase più importante di tutta la lunga serata è stata sancita dallo sparo dei fuochi pirotecnici che hanno illuminato a festa l'oscurità della notte già in parte squarciata da una candida luna che aveva già fatto capolino dalle montagne della Calabria. Proprio intorno alle 2 è iniziata così la diretta da Sydney con l'omelia di Benedetto XVI. Subito dopo la lunga veglia ricca di tante importanti testimonianze animata dall'Oratorio Salesiano di San Matteo. Ed infine intorno alle 5 il culmine dell'intera manifestazione: la Santa Messa presieduta da Mons. Calogero La Piana concelebrata dai tanti sacerdoti che non sono voluti mancare all'importante momento della nostra Arcidiocesi. Una messa straordinaria, unica del suo genere, nel corso della quale nello stupendo scenario dello Stretto si è avuto il simbolico passaggio dal buio della notte alle prime luci dell'alba.
Un evento, quello vissuto nella Zona Falcata, curato da tutti i punti di vista e nei minimi particolari, da quello logistico, alla distribuzione della cena e perfino dei cornetti intorno alle 6.30 alla fine dell'intera manifestazione. Tutto ciò grazie al sinergico lavoro dei tanti volontari del Nucleo Diocesano di Protezione Civile, delle Misericordie, dell'ACCIR, della Croce Rossa, degli Scout dell'AGESCI con il sempre cordiale ausilio del personale civile e militare della base della Marina Militare.
Indubbiamente una iniziativa notevole che ha sicuramente colpito nel segno, coinvolgendo tantissimi giovani che hanno potuto vivere in riva allo Stretto quel meraviglioso clima delle Giornate Mondiali della Gioventù. Un evento che speriamo segnerà una svolta per la Pastorale Giovanile dell'Arcidiocesi di Messina - Lipari - Santa Lucia del Mela e che magari porterà importanti frutti per i prossimi anni.

Nonostante la scarsissima partecipazione degli Scout dell'AGESCI - Zona dello Stretto, la nostra Associazione ha fatto un'ottimo lavoro riconosciuto da tutti grazie al servizio effettuato da capi ed dai ragazzi dei Gruppi Messina 1 e Messina 6, insieme ad una rappresentante della Comunità Masci Messina1, che per un totale ci circa 25 persone hanno brillantemente organizzato ed effettuato la distribuzione della cena, dell'acqua e dei cornetti, oltre ad un generale supporto logico all'intero evento, per tutti i 5.000 partecipanti alla manifestazione!!! Indubbiamente nonostante tutto è stata ampiamente notata la scarsa partecipazione della nostra Associazione... non ho altro da aggiungere...

  Marco Grassi


Torna alla pagina principale